fbpx

Il giusto mindset per raggiungere risultati straordinari

Leggi l’articolo qui sotto

Il giusto mindset per raggiungere risultati straordinari

In questo articolo proverò a rispondere a queste domande, superando qualche pregiudizio e sfatando qualche falso mito. In particolare, prima di capire come funziona la mente di una persona di successo, vorrei porre l’accento su due presupposti chiave:

  1. Il risultato è sempre la conseguenza di una buona prestazione;
  2. Il talento non è necessariamente correlato al successo.

Andiamo con ordine e analizziamo il primo punto. Il risultato è sempre una conseguenza e pertanto è preferibile affermare che esiste un mindset per ottenere una buona prestazione. La differenza principale tra le due affermazioni sta nel fatto che i fattori che incidono sulla mia prestazione sono variabili che posso allenare e su cui posso agire, mentre il risultato dipende anche da fattori che non riguardano esclusivamente me, come ad esempio la preparazione dei miei avversari! Passiamo ora al secondo presupposto, sfatando uno dei miti più diffusi, ovvero quello secondo cui il successo è sempre, o nella maggior parte dei casi, correlato al talento. Falso.

Le ricerche ci mostrano come il segreto per raggiungere risultati notevoli non sia il talento innato, bensì una variabile che la ricercatrice americana Angela Duckworth definisce “grinta” e che viene intesa come miscela di tre caratteristiche: tenacia, perseveranza e determinazione.

Detto in altri termini, il talento, da solo, non basta praticamente mai.

Con questi due importanti presupposti possiamo addentrarci nella mente di chi il successo lo ha raggiunto, per capire da vicino quali sono le caratteristiche di un mindset “vincente”.

La selezione delle caratteristiche che vi presenterò qui di seguito è data, in parte dalle ricerche svolte in questo ambito della psicologia sportiva, ed in parte dalle decine di interviste e chiacchierate che in questi anni ho avuto con atleti di “successo” di svariate discipline sportive.

le 7 caratteristiche di un mindset vincente

grinta piuttosto che talento!

E’ necessario lavorare sul proprio potenziale incanalandolo verso una passione e coltivarlo con una forte determinazione.

Senza questo il rischio è quello di sprecare le nostre qualità naturali e non essere in grado di sviluppare tutte le nostre potenzialità. Innanzitutto è fondamentale avere una direzione, che significa avere un obiettivo chiaro per non sprecare le nostre energie e canalizzare la nostra attenzione; ma questo non è sufficiente, infatti una volta che abbiamo individuato la meta rimane l’atra metà del lavoro che consiste nello spingere fino in fondo l’acceleratore senza mollare la presa.

Passione, passione, passione.

La motivazione è la spinta che porta un individuo a raggiungere determinati obiettivi, è una componente psicologica che ci permette di orientare, mantenere e portare a termine i nostri comportamenti. La passione è un sentimento che genera soddisfazione e felicità per quell’attività che stiamo realizzando, affinché essa appaia, dobbiamo capire quali sono gli aspetti di noi stessi che ci motivano e ci spingono ad andare avanti. Coltivare la motivazione è fondamentale per entrare in contatto con la passione. Motivazione e passione sono il motore, senza il quale nessun sforzo sarebbe possibile.

Focus sulla performance

In allenamento gli atleti fanno quello che l’allenatore dice loro, concentrandosi su gesti specifici, ovvero spostando la propria attenzione al gesto tecnico da migliorare in quel preciso momento.

In gara dovrebbe funzionare allo stesso modo, l’attenzione dovrebbe essere rivolta a ciò che si sta facendo nel qui ed ora, ma essere totalmente presenti a sé stessi nel presente con sensazioni, emozioni, pensieri e azioni perfettamente allineate, non è semplice, soprattutto quando abbiamo un carico emotivo maggiore. 

I campioni sono in grado di rimanere concentrati sulla prestazione e in caso di distrazioni riescono a riprendere il comando della propria mente in brevissimo tempo; se il pensiero si sposta al risultato finale dell’azione, vincere o perdere, è inevitabile che l’attenzione sfugga e la conseguenza è un calo immediato della prestazione.

Think positive!

Pensare positivo non significa vivere nel mondo delle favole e non vedere gli ostacoli, bensì essere in grado di vedere oltre al problema, la soluzione. In ambito sportivo, i pensieri che spuntano alla mente possono influenzare positivamente o negativamente la prestazione. E’ quindi opportuno tenere sotto controllo e monitorare il dialogo che l’atleta si rivolge. I pensieri negativi sono disfunzionali, ovvero compromettono l’esito e il raggiungimento degli obiettivi, abbassano la soglia dell’attenzione, aumentano la focalizzazione su stimoli distraenti o irrilevanti, possono provocare un’alterazione dell’umore e indurre confusione.

Il senso di autoefficacia

Credere in se stessi è il primo passo per ottenere dei risultati, in qualunque campo della vita. Innanzitutto è bene affermare che la fiducia in sé non è qualcosa che ci viene dato alla nascita, ma è un processo in continua evoluzione, sul quale è possibile lavorare. Nella Psicologia dello Sport l’autoefficacia viene individuata come uno dei principali predittori del successo sportivo e può essere definita come un meccanismo cognitivo che media la motivazione, la perseveranza, l’attivazione emotiva e il comportamento (Bandura, 2001). Questo meccanismo incide notevolmente sulla percezione che l’atleta ha delle proprie potenzialità e sul modo in cui affronta gli eventi stressogeni, aumentando o diminuendo la possibilità di raggiungere il successo nell’esecuzione di un compito e di una competizione sportiva (Cesare Picco, 2017).

Saper vedere l’altra faccia del fallimento

Certo sembra un paradosso, ma la verità è che il fallimento, al contrario dell’abitudine al successo, nel medio termine può risultare un’arma potente per molti. Il lato positivo delle sconfitte è che esse permettono di fermarsi a fare una valutazione delle proprie risorse, dei propri punti di forza e, al contempo, delle criticità emerse; detto in altri termini, le sconfitte servono per mettersi in discussione e migliorare. Un errore, un periodo di crisi, un infortunio rappresentano un momento caratterizzato da una maggior propensione da parte del soggetto a riflettere su motivazioneobiettivicontesto di riferimento (squadra, allenatore, preparatore, compagni …); inevitabilmente sono questi i momenti in cui capita di mettere in discussione alcuni aspetti, facendo degli importanti scatti di consapevolezza. Sono anche questi i momenti in cui più spesso si provano emozioni negative; imparare a gestirle è l’arma vincente!

Assere antifragili

L’antifragilità è la capacità di trarre vantaggio dagli imprevisti e dagli urti della vita; chi ha questa caratteristica di fronte ai fallimenti invece di cadere, cresce, migliora e si rinforza. L’antifragilità quindi un concetto che va oltre la resilienza: non semplicemente cadi e ti rialzi, bensì cadi e ti rialzi più forte di prima!

L’elenco delle caratteristiche fondamentali per un mindset vincente non è certo esaustivo, ma riporta ciò che la maggior parte degli atleti con cui ho avuto il piacere di interagire in questi anni, identificano come elementi chiave.

Ricordate sempre che un mindset vincente si può costruire ed allenare, allo stesso modo in cui si allenano fisico e tecnica, perché è il duro lavoro l’elemento che più di tutti porta al successo!

Articolo scritto dalla Dott.ssa Veronica Chantal Bertarini, Psicologa e Counselor
Specializzata in Psicologia dello Sport e Mental Coaching
www.sportlifementalcoach.net

Altri articoli

A'ksent academy

PRIVATE HIGH SCHOOL BILINGUE

la scuola che stai cercando è a lecco con didattica innovativa. la 1° scuola a misura d’atleta. flexible private international school 4 anni formazione liceale bilingue. puntiamo allo sviluppo globale dell’atleta studente.
articoli recenti
Maggiori informazioni

Scopri la scuola

iscrizioni e domande

TUITION FEES (€)

ANNUAL TUITION FEES

SEPT. 1ST

NOV. 1ST

JAN 1ST

the academy sport & education

7.000

3.000

2.000

2.000

NEW ENROLMENTS

FEES (€)

DATE OF PAYMENT

ADMISSION FEE

500

UPON ENROLMENT

ENROLMENT FEE

700

UPON ENROLMENT

EXTRA CURRICULER ACTIVITIES TERMLY

500

ON 1ST SEPT.

Extra cost may be required upon need or request for any of the following:

– online courses for ib diploma program.

– personalized mental coaching that allows systematic training of the psychological skill and attitudes.

– health and nutritional tuition.